A sinistra quadro di
Richard Mauri.
 
On the left
Richard Mauri Painting
.
 
 
 
   

Pisogne terzo concorso di liuteria “Cronaca di una mostra”

di Carlo Vettori

Marina Berlinghieri assessore alla cultura del comune di Pisogne.

Third Violin Making Competiton of Pisogne “Chronicle of an exhibition”

By Carlo Vettori

When Florence is struck by the torrid heat of the summer, I enjoy taking a short walk to search for a cool place such as the cloister of San Lorenzo.  Sometimes I enter the Cathedral of Santa Maria del Fiore where I stop to observe the wonderful frescoes of the chapel; 3,600 square meters painted between 1572 and 1579 by Giorgio Vasari and concluded by Federico Zuccari.
On Lake Garda, in the city of Salò, I participated at the “Gasparo da Salò the Architect of Sound” exhibition and wrote an article published in this website.
On that occasion, Gualtiero Nicolini, for the second time, asked me to preside the committee of the Third National Violin Making Competition that takes place every year in the city of Pisogne.  I was honoured to fulfil this request of examining a contemporary violin making competition and pleased to once again visit Lake Iseo and spend a few days in the pleasant city of Pisogne.

Again this year when I entered the church of Santa Maria della Neve, I was astonished and enchanted by the frescoes painted by Romanino as I was the first time I saw them.  The figures that are painted in the Sistine Chapel of the Poor seem as if they were alive and moving.

In last year’s competition, the number of instruments having different curl for the flame of the back and ribs was greater than this year’s competition.
The companies which cut the trunk of maple select the pieces for the construction of violins, violas, and cellos.  They cut the wood for backs, ribs, and scrolls without taking into consideration that the flame is not regular throughout the entire trunk.
This technique facilitates the wood dealer but puts a limit to the beauty of an instrument since the wood of the ribs rarely is identical to that of the back.  This is possible only when the ribs are selected from the back plate.
In the construction of the resonance case the evenness of the flame of the ribs is usually similar to that of the back where it is narrower and where it widens, in particular, at the C bouts and the points.

The qualitative level of the instruments presented in this Third Competition was all in all superior to last year’s competition.
Please allow me to point out some details in the aim to improve the technical and artistic ability of young violin makers.

The four grooves of the nut should always be in line with the strings being united by bridge and nut.  The G and E strings should not be too close to the edge of the peg box.  We learn from the old masters the importance of widening the peg box near the nut.

Lightening the colour of the edge is part of the classic modern violin making tradition.  Ornati coloured the edge light brown thus creating a lightened edge effect.
The edge must be lightened in a natural way from the corner of the edge to the half way point of the thickness of the edge.  It doesn’t make much sense to lighten the edge where it meets the ribs since there are no antique instruments having this characteristic and in addition it gives the edge a wider appearance.

The end of the ribs forming the corners must be uniform in their width and their thickness is made up by the upper and lower ribs glued to those of the C bouts.

In some instruments the cut of the f-holes widens towards the centre of the instrument.  This style when strongly accented is typical of a foreign school of low standards.

It was pleasing to see characteristics distinguishing the classic Cremonese tradition in various instruments:  the thickness of the edge is higher near the f-holes, it lowers before rising at the points and forms the thickness of these; a characteristic of the technique used by Maestro Antonio Stradivari.

Our colleague Alberto Giordano was assigned the responsibility of choosing the instrument with the most beautiful varnish.  He examined the varnish of violins, violas, and cellos for over two hours.
Maestro Giordano repeatedly examined the violins and chose the best along with the unanimous opinion of colleagues such as Maestro Primo Pistoni, Maestro Daniele Scolari and by myself.

The evaluation system for the sound was established by various trials.  Maestro Ivan Merlini played the cellos and Maestro Marco Fornaciari played violins and violas.
When testing many instruments one after another it becomes difficult to choose the best because one tends to forget the sound of the first ones played. 
Therefore a different criterion was adopted.  At first Maestro Fornaciari played four violins and the best among these was chosen and compared  with the best of four others, and so forth and so on, until a precise selection of the finest sounding instrument was reached.
The evaluation system for the sound was assigned to the violin maker’s committee, musicians, and for the last trial the audience of the city of Pisogne among whom the Cultural Assessor Marina Berlinghieri.

From the first selection taking place in Cremona until the last in the Chiesa della Neve, two instruments were repeatedly examined:  a cello and a violin.  They were not particularly refined  in workmanship and showed slight imperfections in all details:  the type of wood, considered as poor Italian wood associated the instruments to those of the Italian tradition of the 19th century.
We took into consideration that these instruments will obtain their charm in time after being played in an orchestra for many years.
Were the cellos made by Sgarbi, Scarampella, Postacchini and other Italian masters of the 19th century technically perfect with beautiful wood? I don’t think so.
The best wood utilized was that from Mittel Europa for the construction of Stradivari copies.  These instruments have little or no market value.
Why are Italian instruments worth more?  Simply because they are good sounding instruments with personality.
Unanimously the committee decided to assign two awards for personality.

The morning of the prize day was animated by many violin makers, parents with their children who came to see the instruments, tourists who happened to be visiting the city of Pisogne, who all gathered in the square in front of the church with Romanino’s frescoes.
The awarding of prizes took place in the afternoon.  The winning instruments were played in concert at the end of the day.
Listening to the music takes me back to Florence where I imagine many works of art, Vasari’s grandiose and immense frescoes and the Salone del Cinquecento where an entire orchestra played instruments built by myself.
While listening to the music played by Marco Fornaciari and Ivan Merlini and observing the frescoes by Romaninio I realize how my sense of space is modified and in this small church I come to appreciate all that is offered by the art world.

Suddenly the fresco of the Last Supper detaches from the wall
It comes close and surrounds me
I see the light pink faces of the figures
And the light colour of their arms
I graze them and pass my hand on the secular robes
I stand still
And again still

The sound of the violin brought to its fullest by Maestro Marco Fornaciari brings me back to reality.
Sitting close to me, young violin makers show their excitement from their instrument being played.
The concert ends and violin makers along with the audience compliment the musicians.
I place my quintet back in the cases along with Marco Fornaciari’s violin.
We are ready to leave:  the trip is along one.
I have the feeling of having left an instrument, I double-check and say goodbye to colleagues.

I leave Pisogne along with Marco Fornaciari.
Pisogne./ Pisogne.

Nella città di Firenze, quando il caldo torrido si fa sentire, cerco con una breve passeggiata il fresco nel chiostro di S. Lorenzo. Alcune volte entro nella Cattedrale di S. Maria del Fiore, mi fermo sotto la cupola di Ser Filippo Brunelleschi  e ammiro i grandi affreschi, 3.600 metri quadrati, eseguiti tra il 1572 e il 1579 da Giorgio Vasari e ultimati da Federico Zuccari.
Sul lago di Garda, nella città di Salò ho partecipato alla mostra “Gasparo da Salò Architetto del suono” ed ho scritto un articolo pubblicato in questo sito.
Mentre ero nella città di Salò, Gualtiero Nicolini, mi ha chiesto di presiedere per la seconda volta la commissione del terzo concorso nazionale di liuteria che si svolge tutti gli anni nella città di Pisogne. Ho risposto a questa richiesta onorato di esaminare la liuteria moderna e lieto di rivedere il lago di Iseo e trascorrere alcuni giorni nella cittadina amena di Pisogne.

Violinist Simo Vuoristo from Finland.
Il Parco di Pisogne./Pisogne Park.

Anche quest’anno, quando sono entrato nella chiesa Santa Maria della Neve, sono rimasto meravigliato e affascinato dagli affreschi del Romanino, come il primo giorno che vi entrai.
I personaggi che affrescano la cappella Sistina dei Poveri sembrano essere vivi e in movimento.

Violinist Simo Vuoristo from Finland.
Affreschi del Romanino./Frescoes by Romanino

Nel concorso dello scorso anno, il numero degli strumenti con la marezzatura delle fasce diversa dal fondo era maggiore rispetto agli strumenti presentati al terzo concorso.
Le ditte che sezionano il tronco d’acero fanno le parti per la costruzione di violini, viole e violoncelli. Segano i fondi, le fasce e i manici senza tenere presente che la marezzatura non è uniforme nell’intero tronco.
Questa tecnica facilita il commerciante di legname, ma limita la bellezza dello strumento perché la marezzatura delle fasce, raramente è identica a quella del fondo. Solo quando queste sono ricavate dalla tavoletta del fondo sono uguali.
Nella costruzione della cassa armonica l’uniformità della marezzatura delle fasce si unisce a quella del fondo nei punti ove questa è più larga o più stretta, in particolare per le “C” e in prossimità delle punte.

Violinist Simo Vuoristo from Finland.
La dimostrazione dei liutai./Demonstration by violin makers.

Il livello qualitativo degli strumenti presentati nel terzo concorso è stato in linea di massima superiore al concorso precedente.
Permettetemi di segnalare alcuni particolari al fine di migliorare la capacità tecnica e artistica dei giovani liutai.

Le quattro tacche sopra il capotasto, devono essere sempre lineari con le corde che si uniscono dal ponticello al capotasto stesso. Le due corde sol e mi non devono stare troppo aderenti alle due pareti della scatola dei bischeri. Impariamo dagli antichi liutai che allargavano la scatola in prossimità del capotasto.

Schiarire i bordi, rientra nella tradizione classica della liuteria moderna. Ornati colorava i bordi di un bruno chiaro e creava così l’effetto dei bordi schiariti.
I bordi devono essere schiariti dall’angolo del bordo o in prossimità quando questo manca, fino al centro dello spessore del bordo, naturalmente non in misura netta. Schiarire il bordo nel tratto che si unisce alle fasce non ha senso perchè non esistono strumenti antichi scoloriti in quella parte e perché il bordo appare di spessore maggiore.

Le quattro colonnine delle punte, devono essere uniformi nella larghezza e con lo spessore fatto dalle fasce superiori e inferiori, queste incollate sopra le fasce delle “C”.

Il taglio dei fori armonici, in alcuni strumenti, si allargava verso l’interno della cassa armonica.
Questo stile quando è molto accentuato caratterizza la liuteria straniera di basso livello.

Sono stati notati con piacere in vari strumenti i caratteri che distinguono la liuteria classica cremonese: lo spessore del bordo nel piano armonico più alto in prossimità dei fori armonici, calante prima delle punte e risalente per formare lo spessore delle punte stesse, caratteristica stilistica e tecnica del Maestro Antonio Stradivari.
Violinist Simo Vuoristo from Finland.
Il Quintetto./The Quintet.

Al collega Alberto Giordano, abbiamo dato la delega per selezionare lo strumento con la vernice più bella.
Per due ore ha cercato tra violini, viole e violoncelli, la vernice migliore.
Il Maestro Alberto Giordano, alla fine ha guardato ripetutamente tre violini ed ha scelto il migliore con il parere unanime dei colleghi: Maestro Primo Pistoni, Maestro Daniele Scolari e dal sottoscritto Carlo Vettori.

Il punteggio per il suono è stato assegnato con varie prove. Il Maestro Ivan Merlini ha suonato i violoncelli, il Maestro Marco Fornaciari ha suonato i violini e le viole.
Suonare tanti strumenti, uno dietro l’altro di seguito, rimane difficile scegliere il migliore perché mentre ascoltiamo il suono degli ultimi non ricordiamo quello dei primi.
Noi abbiamo usato un criterio diverso. Prima il Maestro Marco Fornaciari ha suonato quattro violini, abbiamo scelto il migliore e nelle prove successive il suono si confrontava con il migliore della prova precedente, fino ad arrivare ad una vera selezione del suono di tutti gli strumenti.
Il punteggio del suono è stato assegnato dalla commissione dei liutai e dei musicisti e in ultima prova dal pubblico nella città di Pisogne tra i quali era presente l’Assessore alla Cultura Marina Berlinghieri.

Violinist Simo Vuoristo from Finland.
Prova acustica./Test for sound.

Dalla prima selezione avvenuta a Cremona, fino all’ultima fatta nella Chiesa della Neve, due strumenti sono stati più volte esaminati: un violoncello e un violino, che non brillavano per raffinatezza e che manifestavano una lieve imprecisione, distribuita in tutti i particolari; il carattere del legno povero italiano ha portato questi strumenti vicino alla liuteria italiana del sec. XIX.
Abbiamo concordemente preso atto che questi strumenti quando saranno suonati per tanti anni in orchestra avranno anch’essi il loro fascino.
Erano con legno bello e tecnicamente perfetti i violoncelli fatti da Sgarbi, da Scarampella, da Postacchini e da tanti altri Maestri italiani del XIX secolo? Io non credo.
Il legno più bello è stato usato nella Mittel Europa, per costruire le copie di Stradivari. Questi strumenti sul mercato internazionale valgono poco o niente.
Perché valgono quelli italiani? Semplice. Perchè quelli italiani hanno suono e personalità.
Unanimemente la giuria ha deciso di assegnare due premi per la personalità.

La mattina del giorno della premiazione, la piazzetta davanti alla chiesa del Romanino era animata da tanti giovani liutai, dai genitori che hanno accompagnato i figli a vedere i violini e da turisti giunti per l’occasione nella città di Pisogne.
Nel pomeriggio è avvenuta la premiazione, al termine sono stati suonati in concerto gli strumenti dei vincitori.
Mentre ascolto la musica torno con la mente a Firenze, vedo le tante opere d’arte, gli affreschi del Vasari, grandiosi, immensi. Vedo il salone dei Cinquecento dove un giorno ascoltai da solo una intera orchestra suonare con tutti i miei strumenti.
Nell’ascoltare la musica eseguita da Marco Fornaciari e da Ivan Merlini e nel guardare gli affreschi del Romanino si modifica in me la misura degli spazzi e in questa piccola Chiesa ho appagato il piacere che ricevo dall’Arte.

La chiesa con gli affreschi del Romanino,sede della mostra./The church with the Romanino's frescoes, center of the exposition.

Improvvisamente si stacca dalla parete l’affresco dell’Ultima Cena
mi viene incontro, mi avvolge
vedo i volti rosei dei personaggi
i colori chiari delle braccia.
Vorrei sfiorarli con la mano
toccare le secolari veste
rimango fermo
rimango ancora fermo.

Il suono del violino portato al massimo volume dalla cavata del Maestro Marco Fornaciari mi riporta alla realtà.
Vicino a me giovani liutai ascoltano emozionati il suono dei loro strumenti.
Terminato il concerto, liutai e spettatori si complimentano con i musicisti.
Io sistemo il mio quintetto negli astucci e nella macchina metto anche il violino di Marco Fornaciari.
Siamo pronti per partire; il viaggio è lungo.
Ho la sensazione di aver lasciato qualche strumento, ricontrollo ancora, saluto i colleghi vicini alla macchina e in compagnia di Marco Fornaciari mi allontano da Pisogne.

La Pieve./The church.
L'Albergo./The hotel.
La giuria a tavola./The committee.
Pisogne centro./The center of Pisogne.
La notte bianca./The white night.
Risultati 2009.
/
Results 2009.

Verbale 1
In data 9 Agosto 2008, alle ore 10.00 presso l’Aism di Cremona via dell’Annona 1/3 , si è riunita la Giuria del  3°  Concorso Nazionale di liuteria di Pisogne. Sono presenti il presidente onorario Zakhar Bron, il presidente dei  liutai M° Carlo Vettori,  gli altri liutai M° Primo Pistoni, M° Daniele Scolari, M°Alberto Giordano ed i musicisti: M° Ivan Merlini, M° Marco Fornaciari, nonché il presidente dell’ANLAI prof. Gualtiero Nicolini ed  i segretari  Antonio Sivalli e  Laura Romele.
Dopo approfondite discussioni la Commissione, all’unanimità, decide che per la valutazione siano seguiti i seguenti criteri:

Materiale punteggio da 1 a 5 punti
Messa a punto punteggio da 1 a 10 punti
Vernice punteggio da 1 a 10 punti
Tecnica Costruttiva da 1 a 20 punti
Personalità e Uniformità da 1 a 10 punti
Acustica da 1 a 5 punti
Il presidente dell’ANLAI prof. Gualtiero Nicolini,  nel ringraziare sentitamente i membri della Giuria per aver accettato l’incarico e per l’impegno gravoso che dovranno affrontare nel giudicare le opere in gara, , fa presente che, in qualità di organizzatore, ( come avvenuto gli  scorsi anni al 1° e al 2° Concorso Nazionale di Pisogne ), pur presenziando ai lavori della Commissione, non intende esprimere  giudizi,  né attribuire votazioni alle opere presentate e tanto meno  influenzare in alcun modo la Giuria  nelle sue decisioni che si augura siano assunte sempre all’unanimità.
La Commissione unanimemente esprime apprezzamento per  la decisione assunta dal prof. Nicolini, la approva ed esprime il proprio apprezzamento per la correttezza dell’impostazione del Concorso
- La riunione si conclude alle ore 13.00-

Verbale 2
In data 9 agosto alle ore 15.00, la Commissione, riunitasi in assenza del presidente onorario causa motivi di lavoro e sotto la presidenza del maestro Carlo Vettori,  valutati gli strumenti presentati dopo lunga discussione decide di ammettere al Concorso il seguente numero di strumenti

Concorso  Liutai Professionisti n° opere  26
Concorso Liutai non professionisti  n°opere 36
Concorso Libero  n° opere 21
Concorso Giovani n°  opere 15

- La riunione ha termine alle ore 21.10-

Omissis

 

Verbale 7 

Dopo la prova acustica il giorno 13 agosto alle ore  18 la Commissione prende atti dei - Risultati della prova acustica – che si ottengono  moltiplicando per due i risultati e dividendo per il numero di schede consegnate

Categoria Violini Giovani
n°1 punti 5,2 (Don sixto)
n°2 punti 5,5 (Maieticus)
n°3 punti 6,93 (Isaac)
n°4 punti 5,2 (Quisque Faber…)

Categoria Violini Libero
n°1 punti 6 (Zoe)
n°2 punti 6,87 (Alba)
n°3 punti 7,96 (Ora et labora)

Categoria Violini Professionisti
n°1 punti 6,66 (Daicyan)
n°2 punti 7,6 (Savelini)
n°3 punti 7,13 (Lieto)

Categoria Violoncelli
n°1 punti 5,81 (Caro)
n°2 punti 6,29 (Antonio)
n°3 punti 7,22 (Genesis)
n°4 punti 7,25 (Equus)
n°5 punti 7,03 (Piuma)

Categoria Viole
n°1 punti 5,81 (Squilla)
n°2 punti 6,66 (Arcobaleno)
n°3 punti 6,92 (Giordano)
n°4 punti 5,07 (Passion)
n°5 punti 5,88 (Gaspara)

 

Vengono quindi aperte le buste e individuati i costruttori dei rispettivi strumenti e stilata la graduatoria definitiva
A DEBORA SCIANAME’  viene assegnata anche la targa d’argento Premio per la miglior vernice. Alla concorrente BARBARA BRISCICK  un premio speciale per la sua opera  “ Quisque farber… “ che denota caratteristiche e stile della scuola bolognese
Al costruttore della viola con il motto “ LUNA”e del violino “ MARTE”,   al liutaio Otello Radighieri di Modena viene  attribuito un attestato  speciale per sottolineare particolari caratteristiche dei sui strumenti  ed  un premio alla carriera
Un premio per l’acustica  viene infine assegnato al costruttore dello strumento  “ Luna 2”  YI  YNG

La seduta si conclude alle ore 20.30

 

Verbale 8
La Giuria riunitasi in data 14 agosto alle ore 14,50  prende atto di aver compito un errore inserendo lo strumento Don Sixto nella graduatoria “Giovani” mentre il liutaio concorrente  ha presentato lo strumento per la categoria “ Libero “ . L’errore era stato determinato dal fatto che sulla custodia era stato inserita la lettera G e che lo strumento era stata considerato quindi in concorso per “ Giovani “.
Poiché il punteggio è stato  ottenuto secondo  identici criteri e poiché alla prova acustica ha assistito e votato  lo steso pubblico  la Giuria decide all’unanimità di trasferire lo strumento alla graduatoria per cui aveva fatto domanda di assegnare al  4° classificato nella sezione Giovani il terso premio medaglia di bronzo.
Successivamente la Giuria ha deciso di assegnare al costruttore dello strumento Don Sixto la  medaglia d’argento avendo ottenuto   quasi l’identico punteggio dello strumento inserito in questa graduatoria e al quale era stato assegnato il secondo premio. Ha deciso inoltre di mantenere  la medaglia d’argento anche allo strumento che era stato considerato secondo  classificato e che ha ora solo due centesimi di punto in meno considerandoli pertanto ex equo e di mantenere anche  la medaglia di bronzo allo strumento che era stato considerato  terzo classificato

 

3° CONCORSO NAZIONALE DI LIUTERIA COMUNE DI PISOGNE-ANLAI
- RISULTATI FINALI-

CATEGORIA VIOLINI GIOVANI


ISAAC –  ALESSANDRO MILANI

Punti 178,93

MAIETICUS – ITO MIGIWA

Punti 171,5

QUISQUE FABER…- BARBARA BRISHIK

Punti 168,2

H – IKEJRI MIZUKO

Punti 154,2

DON GIOVANNI – WANG TINN

Punti 154

DO – KIM CHANG YOUNG

Punti 149

LUCIANA – VALERIO FERRON

Punti 147

YING – XIAO YANG

Punti 140

GIOIA –LEE  YOUNG  CHEOL

Punti 136

ETUDES – KITAMURA ATSUYUKI

Punti 125

EST MODUS – FRANCESCO FRASSANI

Punti 123

 

CATEGORIA VIOLINI LIBERO


ZOE – DEBORA SCIANAME’

Punti 178

DON SIXTO – PABLO FARIAS

Punti 171

ALBA–SHOTARO NISHIMURA

Punti 170,98 (171)

ORA ET LABORA – SHIMIZU YOTA

Punti 169,96

GIOELE - DEBORA SCIANAME’

Punti 161

MASCALZON – MAEDA SOGAKU

Punti 155

SOL INVICTUS – GONZALES ANA M

Punti 154

SANDOR – EDO SARTORI

Punti 151

SANZIO – HIDEO NAGAJ

Punti 149

MATTEO – PIERLUIGI MIGANI

Punti 138

MAX – LIU TZAO YANG

Punti 135

LAZAR – EDO SARTORI

Punti 131

BAGATELLA – FRANCO MERLO

Punti 128

BAGATELLA 2 – FRANCO MERLO

Punti 128

MARTE – OTELLO RADIGHIERI

Punti 126

CATEGORIA VIOLINI PROFESSIONISTI


DAICYAN- TAKAHASHI AKIRA

Punti 186,66

LIETO- MARCELLO VILLA

Punti 182,13

SAVELINI- MILCEV PLAMEN

Punti 181,6

ROSSO CORALLO- BARBARA PICCINOTTI

Punti 167,50

ATTILA- JUN MIN JUN

Punti 167,50

KUNGANG- KIM MING SUNG

Punti

HANGANG- KIM MING SUNG

Punti 164

ARMONIE- BENEDICTE FRIDMAN

Punti 163

LUNA DUE - YI YNG

Punti 155

GEMELLI- YU JIE

Punti 152

NON SENZA FATIGA…- FABRIZIO REGAZZI

Punti 149

PINO- FRIGO GARCIA

Punti 145

EGO SUM- FABRIZIO REGAZZI

Punti 139

TROIDA- XUE YI

Punti 138

EXULTATE- FABRIZIO REGAZZI

Punti 127

PTEROCAMPUS- GIUSEPPE PICA

Punti 119

VITA BREVIS – EDOARDO DI DONATO

Punti 115

CATEGORIA GIOVANI VIOLONCELLI


GENESIS – OH DONG HYUNG

Punti 225,22

CARO – MATHIAS BAILLY

Punti 199,81

 

 

CATEGORIA PROFESIONISTI VIOLONCELLI


ANTONIO – MILCEV PLAMEN

Punti 232,29

EQUUS- KIM MIN YOUNG

Punti 224,25

PIUMA – LU XIANG

Punti 191,03

BILANCIA- YU JIE

punti  166

AMICITIA IUNGO- ROBERTO MUZIO

Punti 152

AMINTORE- FERDINANDO MIGANI

Punti 141

CATEGORIA VIOLE GIOVANI


ARCOBALENO - KIM DIONG CHOULE

Punti 184

CARMEN – WANG TING TING

Punti 169

CATEGORIA VIOLE LIBERI


GASPARA- LUCA OLZER

Punti 171,88

PASSION- YUZURU NAKABAYASHI

Punti 169,80

GIORDANO- FRANCO MERLO

Punti 146

ELENA – FRANCO MERLO

Punti 132

LUNA – OTELLO RADIGHIERI

Punti 107

CATEGORIA VIOLE PROFESSIONISTI


SQUILLA- LU XIANG

Punti 192,81

CECILIA- FERDINANDO MIGANI

Punti 157

BELLDANDY- SHIN DONG JIN

Punti 132

 

 

3° CONCORSO NAZIONALE DI LIUTERIA COMUNE DI PISOGNE-ANLAI
- RISULTATI FINALI-I PREMIATI

CATEGORIA VIOLINI GIOVANI


1° ALESSANDRO MILANI  Novara  (Isaac)
e premio per la sonorità.

Punti 178,93

2° ITO MIGIWA Giappone  (Maieuticus)

Punti 171,5

3° BARBARA BRISHIK   Bologna  (Quisque faber … ) e Premio  speciale

Punti 168,2

 

 

 

 

 

 

7° VALERIO FERRON  Pavia (Luciana)  – Premio per la personalità

Punti 147

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CATEGORIA VIOLINI LIBERO


1° DEBORA SCIANAME’  Cremona  (Zoe)
e Premio per la miglior vernice

Punti 178

– 2° PABLO FARIAS Argentina ( Don Sixto)

Punti 171

2° SHOTARO NISHIMURA  Giappone  (Alba)

Punti 170,98- (171)

3° SHIMIZU YOTA Giappone (Ora et labora)

Punti 169,96

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

14° OTELLO RADIGHIERI  Modena (Marte )  Premio alla carriera

Punti 126

CATEGORIA VIOLINI PROFESSIONISTI


1° TAKAHASHI AKIRA Giappone (Daicyan)

Punti 186,66

2° MARCELLO VILLA Cremona (Lieto)

Punti 182,13

3° MILCEV PLAMEN Bulgaria  (Savelini )

Punti 181,6

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

8° YI YNG  Cina  ( Luna due ) Premio per l’acustica

Punti 155

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CATEGORIA GIOVANI VIOLONCELLI


1°  OH DONG HYUNG  Corea  del Sud (Genesis )

Punti 225,22

2° MATHIAS BAILLY  Francia ( Caro )

Punti 199,81

 

 

CATEGORIA PROFESIONISTI VIOLONCELLI


1° MILCEV PLAMEN  Bulgaria (Antonio)

Punti 232,29

2° KIM MIN YOUNG  Corea  del Sud (Equus)

Punti 224,25

3° LU XIANG  Cina (Piuma) –

Punti 191,03

 

 

5° ROBERTO MUZIO Milano ( Amicita Iungo)  Premio acustica e personalità

Punti 152

 

 

CATEGORIA VIOLE GIOVANI


1° KIM DIONG CHOULE  Corea del Sud (Arcobaleno )

Punti 184

2° WANG TING TING   Taiwan  (Carmen)

Punti 169

CATEGORIA VIOLE LIBERI


1° LUCA OLZER  Trento (Gaspara)

Punti 171,88

2° YUZURU NAKABAYASHI  Giappone (Passion)

Punti 169,80

3° FRANCO MERLO  Vicenza (Giordano) e premio per l’acustica

Punti 146

 

 

 

 

CATEGORIA VIOLE PROFESSIONISTI


1° LU XIANG  Cina (Squilla )

Punti 192,81

FERDINANDO MIGANI Rimini ( Cecilia)

Punti 157

SHIN DONG JIN  Cina  (Belldandy)

Punti 132

1
 
Previous page
 
 
 
© Copyright 2010 Arte Liutaria All Rights Reserved. No part of this pages or images may be reproduced or utilized in any form or by means without permission in writing from Arte Liutaria.
 
 
 
For technical support about problem with this site: techsupp@arteliutaria.it