A sinistra quadro di
Richard Mauri.
 
On the left
Richard Mauri Painting
.
 
 
 
Quartetto Giarelli / Giarelli Quartet
 
   
Paolo Borciani e Elisa Pegreffi violini, Franco Rossi violoncello, Piero Farulli viola.
 
   
"Harp and Strings in quintet di San Remo": Enrico Giovannini e Fabrizio Francia violini, Sonia Rampini viola, Vincenzo Malacarne violoncello, Giovanna Solinas arpa.
 
 
"Harp and Strings in Quintet of San Remo", Enrico Giovannini and Fabrizio Francia violins, Sonia Rampini viola, Vincenzo Malacarne cello, Giovanni Solinas harp.
 
 
Quintetto Mediceo Primo violino Secondo violino Viola Violoncello
 
Clicca gli strumenti / Click the instruments.
 
   
QUARTETTO di Ovidio Giarelli,
Carrara 1980
qurtet by Ovidio Giarelli,
Carrara 1980
Ovidio Giarelli è nato a Carrara il 13-12-1921. Fin da piccolo studia il violino e sempre in giovane età frequenta la bottega del maestro liutaio Cesare Maggiali di Carrara . Costruisce a soli 13 anni il suo primo violino; in seguito produce, violini, viole, e un solo quartetto. La sua produzione è fatta con legno molto stagionato; dopo avere terminato lo strumento in bianco, lo lascia stagionare rjer alcuni anni prima di terminare la verniciatura. E un ammiratore della liuteria del maestro fiorentino Igino Sderci nella cui opera cerca un riferimento stilistico. La sua produzione, limitata nella quantità, è stimata per l'ottima qualità acustica.
Gli strumenti costruiti da questo maestro liutaio si trovano nelle principali orchestre d'Europa, in America e in Giappone. Per la produzione dei suoi strumenti si avvale di particolari attrezzature progettate da lui stesso e fatte costruire da ditte meccaniche specializzate in manufatti di particolare precisione. Questo quartetto è stato costruito con materiale di prima qualità: i fondi di due pezzi sono di acero con forte marezzatura sempre di questo legno sono le fasce con marezzatura a larghezza uniforme, così come dello stesso legno sono i manici dei due violini e del violoncello, mentre la viola ha la marezzatura del fondo leggermente più stretta. La struttura interna dei quattro strumenti è realizzata con particolare cura, le controfasce sono fatte con legno di salice mentre i tasselli sono di abete.
I piani armonici sono di abete italiano e il risultato acustico è di ottima sonorità su tutti e quattro gli strumenti.
II lavoro è accurato, il taglio dei fori armonici è netto e puro, la filettatura si snoda lungo i bordi di tutto il quartetto, con precisione.
I bordi hanno uno sguscio accentuato, questo evidenzia l'angolo del bordo più spostato verso la linea esterna; le punte della filettatura sono lunghe e precise, la modellatura delle punte sempre delle "C" è ad angoli vivi. La vernice di colore rosso è molto trasparente e mette in evidenzia tutte le venature del legno.
Ovidio Girelli was born in Carrara on December 13, 1921. He began to study violin at an early age and began to frequent the shop of Maestro Cesare Maggiali of Carrara. At the age of thirteen he built his first violin, and soon after begun his production of violins , violas, and only one quartet. The material used for his instruments is well seasoned. After having finished the instrument in the white, he lets it season for several years before varnishing.
He is an admirer of the Florentine master Igino Sderci to whom he makes a stylistic reference.
Though the number of instruments he has made is limited, he is admired for producing instruments with excellent tonal properties.
The instruments made by this maker are to be found in major orchestras in Europe, America, and in Japan. For the construction of his instruments he utilizes particular tools designed by himself and created by companies who manufacture mechanical precision tools. This quartet was built with first quality material: the maple back is of two pieces with a strong curl, the ribs are of a wide and uniform curl as are the necks of the two violins and the cello whereas the maple back of the viola has a narrower curl.
The internal structure of the four instruments was meticulously executed, the linings are of willow and the blocks are of spruce.
The top plates are of Italian spruce, the acoustical properties of the four instruments are excellent.
His work is precise, the cut of the sound holes is clean and pure, the purfling moves along the edge with the utmost precision.
The edge has an accentuated fluting making this angle more evident and closer to the edge itself.
The mitres of the purfling are long and precise and the modelling of the corners give the sensation of a fresh cut. The varnish is red and very transparent and brings out the grain of the wood.


 

 

 
   
Previous page
 
 
 
© Copyright 2010 Arte Liutaria All Rights Reserved. No part of this pages or images may be reproduced or utilized in any form or by means without permission in writing from Arte Liutaria.
 
 
 
For technical support about problem with this site: techsupp@arteliutaria.it